Skip to main content

Cap 1 – Il progetto Supima®

Il progetto di Produce Sinapsi con La Methode® e l’Associazione Supima® rappresenta un esempio eccellente di come innovazione e sostenibilità possano integrarsi e favorire un lavoro sinergico e di filiera nel settore tessile.

Questa collaborazione ha portato alla realizzazione di pantaloni cargo in cotone Supima® GOTS greggio, personalizzati e interamente tracciabili dalla coltivazione del cotone fino al capo finito, grazie alla strategica partnership di tutti gli attori coinvolti nelle trasformazioni.

Cap 2 – Contesto

Grazie al supporto di Produce Sinapsi® che in questo caso è stata trait d’union tra tra coltivatori, filatori, rammendatori, tagliatori e confezionisti è stato possibile promuovere e realizzare interamente questo progetto di valenza altamente etica, un vero e proprio esempio di trasparenza e tracciabilità.

Partendo da un prototipo degli archivi di La Methode®, un marchio di abbigliamento italiano noto per l’attenzione alla qualità e alla sostenibilità, l’Associazione Supima® nelle vesti del suo presidente Marc Lewkowitz, ha espresso il desiderio di realizzare un capo iconico, tracciabile e utilizzando la propria materia prima certificata.

L’associazione Supima® è un’organizzazione no-profit che promuove e tutela il cotone Pima americano, riconosciuto per la sua straordinaria morbidezza, forza e brillantezza; questo, unito a una filiera di trasformazione locale, italiana e certificata GOTS ci ha condotto a un prodotto esclusivo, unico e di eccellenza.

I punti cardine sui quali si è incentrato il lavoro sono stati:

  • Sostenibilità
    La scelta di utilizzare il cotone Supima®, noto per le sue caratteristiche di alta qualità, grazie al tiglio extra-lungo e alle sue coltivazioni controllate incontra perfettamente le esigenze di un cliente attento alla qualità e ai propri impatti ambientali e sociali;
  • Trasparenza
    Garantire la tracciabilità completa del prodotto, dai campi alla realizzazione del capo finito grazie a un approccio di filiera e alla metodologia forense messa a punto da Oritain.
  • Personalizzazione
    Lavorare in stretta collaborazione con i clienti offrendo loro la possibilità di costruire il proprio capo o prototipo secondo specifiche esigenze e aspettative.
  • Qualità
    Realizzare un prodotto di durevole, riconoscibile e che soddisfi le aspettative di un cliente moderno è l’obiettivo minimo per ogni produttore che voglia davvero dare un segnale al mercato in cui opera.

Cap 3 – Fasi del progetto

Dopo alcuni meeting preliminari il progetto prende il via e si articola nelle varie fasi di lavoro.

La specifica richiesta di avere un prodotto certificato anche su standard GOTS suggerisce l’avvio di una nuova filiera dedicata, ricercando dapprima le fibre certificate e procedendo poi a tutte le successive lavorazioni, sempre gestite da terzisti accreditati secondo gli standard dell’ente e direttamente da noi monitorati grazie allo stretto rapporto di collaborazione che ci lega ormai da lungo tempo.

Selezione delle materie prime
Questa imprescindibile prima fase è stata il punto di partenza del progetto. Da qui si sono definiti gli input progettuali, selezionando le fibre in base al tessuto desiderato dal cliente.

Il cotone Supima® rappresenta l’eccellenza per qualità, durata e monitoraggio delle coltivazioni oltre che essere piuttosto raro sul mercato rappresentando infatti circa l’1% della produzione mondiale di cotone.
Viene coltivato in California negli Stati Uniti ed è rinomato per le sue fibre extra-lunghe, che conferiscono una maggiore resistenza e morbidezza ai tessuti; oltre a pulizia e prestigio.

Partnership e tracciabilità
Per garantire una reale tracciabilità è fondamentale il lavoro di squadra, di filiera.
Questo è possibile solo instaurando rapporti di fiducia con i terzisti e al tempo stesso conducendo puntuali audit in appoggio a quelli condotti dalle certificazioni.

Per questo progetto la collaborazione tra Produce Sinapsi®, La Methode® e Supima® ha permesso di creare una catena di fornitura completamente tracciabile e monitorata, arrivando alla scrittura e definizione di un life cycle assessment.
Ogni fase del processo produttivo, dalla coltivazione del cotone alla confezione dei pantaloni, è stata infatti monitorata e documentata.

Design e personalizzazione
Lo stile è fondamentale, ma prima di arrivare alla definizione del design è importante il pensiero e il capire dove si voglia arrivare.
I pantaloni cargo sono stati progettati tenendo conto delle tendenze attuali e delle esigenze del cliente, il quale ricercava un tessuto abbastanza pesante e rigido, che potesse avere un aspetto urban e strutturato.

Entra quindi in gioco La Methode® con il suo archivio dal quale ha attinto il capo base e sul quale il cliente ha avuto la possibilità di personalizzare finiture e dettagli come fodere, tipo di tasche e accessori funzionali.

Produzione e controllo qualità
Ogni fase del processo ha subito una rigida procedura di controllo e non è stato banale arrivare al risultato finale. I filati erano così speciali che hanno richiesto lavorazioni speciali per essere prodotti, causando qualche difettosità prontamente risolta grazie all’intervento del filatore stesso.

Tutta la produzione è stata eseguita in Italia, utilizzando metodi artigianali e tecnologie avanzate al contempo. Inoltre ogni capo è stato sottoposto a rigorosi controlli di qualità per garantire la massima soddisfazione del cliente, partendo dal filato sino al capo finito e sono stati completamente gestiti tutti gli scarti di trasformazione

Cap 4 – Risultati

Impatto ambientale ridotto
La scelta di utilizzare il cotone Supima ha ridotto notevolmente l’impatto ambientale legato alla sua coltivazione rispetto a un cotone tradizionale di una cifra stimabile intorno al 90% per i soli consumi di acqua.
La trasparenza della catena di fornitura ha permesso il monitoraggio e la gestione dei cicli dal punto di vista scientifico, permettendoci di minimizzare gli sprechi e stilare uno studio sul life cycle del prodotto.

Soddisfazione del cliente
I clienti hanno apprezzato la possibilità di personalizzare i propri pantaloni, aumentando il senso di appartenenza e soddisfazione verso il prodotto e raggiungendo l’obiettivo prefissato.
La qualità del cotone Supima® ha contribuito a un’esperienza d’uso superiore e a una spendibilità di alto profilo sul mercato.

Innovazione nel settore tessile
Con il progetto è stato possibile dimostrare come sia possibile coniugare artigianato, tecnologia e sostenibilità nel settore della moda. E’ un grande impegno, richiede produzioni accorte e mirate, i costi non sono indifferenti, ma è una strada a sostegno di tutti se si vuole andare nella direzione di garantire la completa tracciabilità e responsabilità.

Cap 5 – Sfide e lezioni apprese

Garantire alti requisiti qualitativi, supportare un progetto trasparente, tracciabile e certificato ha richiesto un notevole sforzo di coordinamento tra i vari attori parte della filiera.

Inoltre la garanzia di trasparenza e di rispetto, lungo tutta la catena di fornitura e di trasformazione, del prodotto ha richiesto audit e controlli documentali strategici su ogni fase. I protocolli di coltivazione Supima si sono sommati alla certificazione GOTS, reale, tangibile e controllabile. Dato non così scontato.

Questo tipo di produzioni rappresenta ancora oggi una nicchia, purtroppo, ma è un grande passo in avanti in termini di quanto una filiera possa crescere e migliorare il proprio approccio.
Produrre abbigliamento con questi valori permette di poter monitorare scientificamente gli impatti ambientali, mitigandoli e migliorando l’impronta sociale a essi legata.

Cap 6 – Conclusione

Il progetto di Produce Sinapsi, La Methode® e Supima® è un esempio brillante di come l’innovazione e la sostenibilità possano essere integrate nel settore della moda.

La creazione di pantaloni cargo in cotone Supima greggio, personalizzati e tracciabili, non solo ha soddisfatto le esigenze dei consumatori moderni ma ha anche stabilito nuovi standard di qualità e responsabilità ambientale.

Questo caso studio dimostra che la collaborazione tra diverse entità con un obiettivo comune può portare a risultati eccezionali e sostenibili.

Lascia un commento